TURISMO: PASQUALI (SISTEMA IMPRESA ROMA), EVITARE CAOS COMPENSAZIONE IVA

TURISMO. SISTEMA IMPRESA ROMA: EVITARE CAOS COMPENSAZIONE IVA (DIRE) ROMA, 14 set. –
“Premesso che oltre l’80% dei pagamenti negli hotel e’ di tipo elettronico, l’aumento di 13 punti percentuali dell’Iva, portandola dal 10% al 23%, generera’ il caos nella ricostruzione del sistema di compensazione”. Cosi’ Francesco Pasquali, Presidente di SISTEMA IMPRESA ROMA, associazione datoriale di imprese e professionisti, commenta la proposta di aumentare l’Iva per chi decide di non pagare con la moneta elettronica in alberghi e ristoranti. “Non si puo’ colpire un settore importante come quello alberghiero, si tratta di numeri importanti che contribuiscono positivamente all’occupazione. Nella sola Capitale, dove oltre la meta’ dei flussi turistici e’ rappresentato da clienti stranieri, la struttura della ricettivita’ alberghiera potrebbe subire un danno difficilmente quantificabile. Con circa 270mila pernottamenti alberghieri l’anno, 33mila hotel e 1,1 milioni di camere alberghiere circa, l’Italia rappresenta la terza economia europea ed e’ il quarto mercato turistico del mondo (dopo Stati Uniti, Francia e Spagna). La crescita della domanda e’ infatti una diretta conseguenza della ripresa del turismo internazionale che rappresenta il 50% circa delle presenze alberghiere complessive nel Paese, con dei picchi nei principali mercati italiani (Venezia 87%, Firenze 75%, Milano e ROMA 70%). Ci auguriamo- prosegue il Presidente di SISTEMA IMPRESA ROMA- che resti una semplice proposta e che il settore sia salvaguardato dalla concorrenza sleale del mercato degli affitti brevi, ispirandosi alla regolamentazione europea. Roma, diversamente da Berlino, Atene, Londra o Parigi, in tema di affitti brevi e’ un vero far west”. (Com/Mgn/ Dire) 17:33 14-09-19 NNNN

Sistema Impresa Roma
Sistema Impresa Roma

Lascia un commento